camini

Che inverno sarebbe senza camino?

Camino di design nel tuo salotto? Ecco alcune alternative!

La stagione invernale si avvicina e la necessità di creare calore a basso costo è un’esigenza. Perché pagare bollette stratosferiche quando il mercato offre una molteplicità di alternative adattabili ad ogni realtà? In questo articolo, e nei prossimi, parleremo a lungo di camini classici e termo camini, stufe a pellet, camini ad acqua, a gas e a bioetanolo. Vi proporrò una serie di aziende innovative e prodotti all’avanguardia, che permettono un notevole risparmio energetico senza dimenticare bellezza e design. Inoltre cercheremo di capire quali sono le maggiori differenze tra una tecnologia e l’altra, così da poter scegliere la soluzione più adatta alle esigenze domestiche di ognuno.

camino, design
Camino a legna con focolare aperto

Iniziamo dall’amatissimo Camino a legna. I camini a legna si dividono principalmente in due categorie: a focolare aperto o chiuso.

I camini a focolare aperto permettono un contatto diretto con la fiamma, dando la possibilità non solo di produrre aria calda ma anche di cucinare a legna. D’altro canto però la loro totale apertura fa si che gran parte del calore prodotto venga disperso nella canna fumaria, non garantendo alte prestazioni in termini di resa termica ( circa il 20%). Per sopperire a questo problema è possibile installare un camino aperto ventilato, composto da speciali intercapedini nelle quali l’aria viene riscaldata dalla combustione e diffusa nei condotti di areazione, garantendo così una resa del 30/40%.

Differente è il camino chiuso, in particolare il modello ventilato, produce una resa termica dell’80%. Il funzionamento avviene a sportello chiuso, garantendo una maggior sicurezza, soprattutto a chi ha bambini piccoli. Al suo interno presenta un complesso sistema di ventilazione forzata associata a raccordi che permettono il riscaldamento di più stanze. Il risparmio è considerevole sia in termini di quantità di combustibile necessario, sia nella durata della combustione stessa (ha circa 10 ore di autonomia). Sicuramente dal punto di vista prettamente estetico è preferibile un camino aperto, accogliente e conviviale, ma per quanto concerne la produzione del calore e il risparmio energetico è preferibile il modello a focolare chiuso ventilato. Una volta deciso se optare per il camino aperto o chiuso, ventilato o meno, è necessario scegliere il rivestimento più adatto al contesto in cui verrà inserito….

camino, camino a legno
Camino a legna con Focolare Chiuso

CAMINI

 

senza titolo (3 di 5)

Photos Credits on my Pinterest

Che inverno sarebbe senza camino? ultima modifica: 2014-12-05T03:13:08+00:00 da FillYourHomeWithLove
  • gplus
  • facebook
  • wordpress
Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *